Apertura anticipata delle piscine indoor: aperto il confronto con il Ministero della Salute | ForumPiscine

Apertura anticipata delle piscine indoor: aperto il confronto con il Ministero della Salute


Si apre uno spiraglio per le piscine al coperto, che nell’ultimo decreto risultano tra le ultime attività a poter ripartire. “Una scelta che certamente non sostiene un settore già in sofferenza prima della pandemia – osserva il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, a margine di un incontro che si è tenuto questa mattina con Marco Sublimi e il campione mondiale di nuoto Giorgio Lamberti, in rappresentanza del comparto piscine – Ritengo opportuno avviare un percorso che possa portare a una revisione della data di riapertura di questi impianti, calendarizzata al primo luglio, anche in funzione del quadro epidemiologico che ogni giorno sembra in miglioramento. Sono convinto, dunque, che ci possano essere le condizioni per definire una data diversa, il comparto natatorio è rimasto uno dei pochi dove la risposta che abbiamo dato non ha soddisfatto le attese", prosegue Costa, rilevando anche l’importanza che le circa 3000 piscine rivestono per 4,5 milioni e mezzo di italiani, di cui oltre 2,5 milioni sono bambini e adolescenti e molti i soggetti fragili.  Presidi di salute, dunque, benessere e inclusione che danno lavoro a oltre 200mila persone.

Nella stessa sede, il sottosegretario ha annunciato anche la convocazione per lunedì prossimo del tavolo tecnico 'La Salute nello Sport', “per ascoltare – spiega Costa – le proposte del Coordinamento Nazionale delle Associazioni di Categoria dei Gestori di piscine in merito anche alle Linee guida e ai protocolli, così da poter avviare un percorso propositivo con il Cts". Il Coordinamento Nazionale delle Associazioni di Categoria dei Gestori di piscine riunisce le sigle AGISI, Assonuoto, Insieme si Vince, Piscine del Piemonte, SIGIS, e la neonata Piscine Emilia Romagna, affiancate da ForumPiscine. 

Un ringraziamento speciale è stato rivolto al sottosegretario Andrea Costa da parte di Marco Sublimi. “La sua disponibilità – ha commentato Sublimi, intervenuto all’incontro con Giorgio Lamberti in rappresentanza del Coordinamento – si è trasformata in fatti concreti coinvolgendoci al tavolo tecnico di lunedì e dandoci l'opportunità di presentare le criticità delle Linee guida".

 

Condividi